giovedì 19 aprile 2012

Per chi nel solare è in cerca di una bussola

"Compass" by Pascal \o/ (Flickr)
Manca meno di un mese all’appuntamento che da qualche anno è crocevia di operatori del fotovoltaico, investitori e in genere della community del solare italiano e globale.

Sto parlando dell’Italian Pv Summit (www.italianpvsummit.com), una delle più autorevoli conferenze internazionali di business intelligence per il mercato e l’industria fotovoltaica. Una top conference che accompagnerà, come ogni anno, il SolarExpo, tra le più importanti manifestazioni fieristiche del solare a livello internazionale.

In un momento come quello attuale, dove si assiste ad un riassetto dell’industria del settore, mi sembra quanto mai necessario un confronto tra pari. Per capire insieme come affrontare il profondo cambiamento che sta investendo il mercato, con i colossi asiatici che avanzano in modo sempre più aggressivo e il vecchio continente, in particolare l’Italia, che vede affievolirsi quella spinta propulsiva legata all’era degli incentivi.

Mai come ora è importante, per noi professionisti del settore, trovare una piattaforma comune dove discutere delle principali questioni legate al solare, a partire dalla recentissima bozza del quinto Conto Energia su cui ho avuto l’opportunità di dire la mia anche oggi al talk show che l’emittente AdaChannel ha dedicato al tema.

Per gli impianti di piccola e piccolissima taglia, per quelli realizzati in sostituzione dell'eternit, per quelli realizzati dai piccoli Comuni (stiamo parlando della fetta più grossa, a livello numerico, dei sistemi di generazione da fonti rinnovabili) ci saranno drastiche penalizzazioni! Questi tagli fanno capire che chi ha ideato questo Conto Energia non ce l’aveva con la bolletta, troppe volte chiamata in causa, ma evidentemente con un modello di consumo energetico democratico, perché alla portata di tutti.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi un commento...