mercoledì 7 settembre 2011

ROBIN HOOD TAX: LE RINNOVABILI NEL BERSAGLIO

Ma non dovevamo puntare sulle rinnovabili dopo la grande debacle della prospettiva nucleare? A me sembra invece che la scure dei tagli stia indebolendo proprio un settore che al contrario dovrebbe essere uno dei volani capaci di portarci fuori dalla galleria buia della crisi. La manovra sulla quale si appresta ad essere votata la fiducia, contiene infatti un ulteriore schiaffo alla green economy. Sto parlando della Robin Hood tax. In altre parole, l’Ires sul reddito d’impresa che andrà d’ora in poi a gravare anche sulle aziende che si occupano di generazione e vendita di energia rinnovabile fino ad oggi esentate. Non solo: l’aliquota in questione si è alzata di quattro punti percentuali arrivando fino al 10,5% per le aziende con un giro d’affari superiore ai 10 milioni di euro.

L’inasprimento della tassazione si traduce di fatto in una minore disponibilità per le aziende colpite ad investire nel settore e in una riduzione della prospettiva di nuovi posti di lavoro al 2020.

Non è tutto: la nuova tassa è in aperto contrasto con i programmi di promozione e sviluppo delle rinnovabili contenuti nel decreto di attuazione della direttiva europea dello scorso marzo.

Il timore adesso è anche quello che tutto questo abbia come conseguenza una stangata sui prezzi dell’energia elettrica per i cittadini con ricadute importanti sulla bolletta energetica.

Puntare sulle fonti energetiche rinnovabili, al contrario, sarebbe un modo per creare nuova occupazione, ridurre l’importazione di greggio, stimolare la ricerca e l’innovazione tecnologica ma anche dare una nuova chance alle nostre città. Come ha fatto notare Aper, l’associazione dei produttori di energia da fonte rinnovabile, le energie pulite stanno dando il loro importante contributo per esempio sulla riduzione dei prezzi di borsa dell’energia elettrica nel periodo estivo per centinaia di milioni di euro l’anno.

Il settore avrebbe bisogno di stimoli, non di essere costante bersaglio di politiche punitive.

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi un commento...