giovedì 17 giugno 2010

ENERGYSNACK 9

Giorgio, quando un cliente difficile può dare soddisfazione...

Giorgio è quello che in gergo d'impresa si definisce, con qualche eufemismo, un cliente indispensabile ma altamente "impegnativo". Una referenza che non poteva mancare nel mio portafoglio. Padre di famiglia e imprenditore con un'esperienza di vent'anni nel settore tessile, quando ci siamo incontrati stava subendo - nonostante il suo impegno e la sua instancabile devozione al lavoro - il contraccolpo della stagnazione che ha fatto naufragare molti di quelli che come lui avevano gravitato fino a qualche tempo prima nella galassia dei terzisti Benetton.
Esigente e meticoloso, Giorgio era difficile da convincere e, ancor di più, difficile da accontentare. Ogni sua richiesta rappresentava per me e tutti i miei collaboratori una sfida al perfezionismo. Mentre molti suoi concorrenti si facevano travolgere dall'ennesima "crisi", scelse infatti di dare credito ai miei suggerimenti e investì in un impianto di 20 kilowatt che fece installare sul tetto del suo capannone.
Dopo qualche tempo, la sua segretaria cominciò a chiedere di me in ufficio con una fila interminabile di telefonate. Non lasciava messaggi che mi facessero capire qual'era il problema, ma il senso di tutti quei post-it era che il mio cliente voleva, pretendeva ed esigeva un incontro faccia a faccia con me. Il dubbio era che nonostante i nostri sforzi, Giorgio non fosse soddisfatto e la domanda che continuavo a farmi nell'attesa di quell'incontro era "come posso fare di lui un cliente fedele?".
Arrivò il giorno del nostro appuntamento e suonai al suo campanello. Fu allora che arrivò per me la vera sorpresa... Lo vidi uscire, venirmi incontro, mi diede una pacca sulla spalla e disse: "E' fantastico, hai ragione Marco! Contro la crisi c'è solo una strada... l'Energia!" Il suo impianto stava producendo il 110% della potenza promessa e nel suo conto in banca entravano 12 mila euro aggiuntivi ogni anno...
Com'è finita la storia? Dopo qualche tempo Giorgio ha venduto la sua aziendina tessile ed è entrato alla grande nel settore dell'energia interessandosi anche di impianti a biomassa. Oltre alla nostra bella amicizia, questa vicenda ha fatto nascere in lui una nuova credenza: "Non importa quanto investo ora! Tutto quello che investo in energia mi torna indietro con gli interessi!"
Ringrazio Giorgio Trevisan per la sua fiducia e la sua amicizia!
Marco Fiorese

Nel prossimo EnergySnack vi racconterò la storia di...
Lorenzo, un amministratore pubblico fuori dal gregge che ha scommesso nelle nuove energie!

Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi un commento...