venerdì 7 maggio 2010

ENERGY SNACK 4!!!!

La leva finanziaria

FOTOVOLTAICO SENZA SPESE

Quando si parla di fotovoltaico, di solare termico e in certa misura anche di biomasse, l’approccio più comune è: “Bello, ma costoso!” A parte il fatto che non è vero, ciò che è più limitante in questa espressione è la chiusura ad ogni altra possibilità. Non importa quello che potrò dire o spiegare, comunque sia è già stato deciso che un impianto è una cosa bella da fare (per l’ambiente, per l’insegnamento ai figli, per le bollette), ma che è troppo cara. Punto!
Scopo di questo scritto oggi è quello di stravolgere il comune modo di avvicinasi al Sole. Non solo, infatti, il fotovoltaico non è costoso ma addirittura, una volta studiato accuratamente, le spese iniziali possono essere nulle, o quasi!
La reazione di chiunque a questo punto è quella di “darmi del matto”. Tutti sanno che, oggi come oggi, il prezzo di un pannello in Italia è ancora elevato e se a questo si aggiungono i costi di progettazione e di installazione, come posso affermare che un impianto è praticamente senza spese?

Beh, tutto dipende dall’angolatura con cui guardiamo la cosa.


Il caso Spagna, in tal senso, è esemplare. Solo nel 2008 la concentrazione di impianti fotovoltaici nel territorio nazionale ha toccato il 700%. In sostanza un boom del settore (tra gennaio e agosto 2008 sono stati realizzati più impianti nella penisola iberica che in tutti gli altri paesi europei) che ha costretto il governo spagnolo ad intervenire, nel settembre dello stesso anno, per regolamentare in qualche modo l’improvvisa corsa al fotovoltaico. A meno che non mi si dica che in Spagna c’è una concentrazione strepitosa di milionari disposti ad investire, l’esperienza spagnola avvalora la mia tesi secondo la quale in un modo o nell’altro, qualcosa nel Sole che rende c’è. E il costo di un tale investimento è un prezzo assolutamente accessibile a molti, se non addirittura a tutti!
Come?

Vediamo.

Prendiamo il mio amico Marco! Un bel giorno entra in banca, prende il suo libretto dei risparmi e si guarda intorno deciso ad investirli. Il problema è: dove? Come? Con chi? E, soprattutto, con quale percentuale di rischio? 

Archimede l’ha detto secoli fa: datemi una leva e vi solleverò il mondo. Ma qual’è la lava capace di sollevare, insieme al denaro, anche il senso di fiducia e di certezza in un domani senza rischi?
Ovvio, il Sole. Comunque la si voglia vedere, investire nel Sole è sempre conveniente. Primo, non ha gli alti e i bassi di mercato. Secondo, non è gestito da intermediari. Terzo, tutto ciò che ti dà è, scusate il gioco di parole, alla luce del sole!


L’esperienza nel campo mi ha insegnato che messi 20 euro in un impianto fotovoltaico ne otterrò circa sette volte in più, vale a dire 140 euro. Il tutto, ovviamente, senza alcun rischio. Senza spese di gestione. Senza, di fatto, far nulla se non comprare una crema solare e stendermi sul lettino prendisole.


I moltiplicatori del Sole

Ciò che realmente blocca le persone é il considerare la somma iniziale per l’avvio di un impianto come una spesa piuttosto che una opportunità finanziaria.


Il concetto di ROI (Return On Investiment, il ritorno sull’investimento) e di ROE (Return On Equity, vale a dire il ritorno del denaro speso), ti aiuteranno a capire meglio cosa intendo. Partiamo dal primo.

ROI. In gergo, è il ritorno economico dell’investimento. Nel caso del nostro amico Marco, il ROI è quella percentuale che dice quanto hanno fruttato i 20.000 euro investiti nei pannelli.
Se è vero che in 20 anni l’impianto gli renderà 40.000€1, il ROI sul suo investimento iniziale


Moltiplicando per cento l’utile finale reso dal Sole sull’investimento iniziale, il Roi è  la percentuale di resa dell’intera operazione. In termini più chiari, sul conto corrente di Marco i 20.000 euro spesi oggi per installare un impianto fotovoltaico varranno, dopo 20 anni, il 100%, vale a dire che ogni anno frutteranno circa il 5%.2

Se sotto il punto di vista di un investimento a lungo termine un rendimento di questa portata non è da scartare (nessuna caduta di mercato, rendimento fisso, gestione propria), l’errore finanziario del mio amico Marco è fermarsi qui.

Ammetto che fino a qualche anno fa ero io, per primo, a considerare l’affare una convenienza su lungo termine. Ed ero sempre io a limitare il giro dei miei clienti a persone che reputavo essere benestanti e che quindi non avrebbero storto il naso ad un investimento che per 10 anni non restituiva alcun centesimo.

Questo fino a quando, studiando e approfondendo il mercato, incontrai il concetto di ROE.
Il ROE, ovvero il ritorno del denaro speso e non di quello investito (la differenza ti sarà più chiara tra poche righe), mi diede finalmente la giusta angolatura della questione. Se infatti la mia preoccupazione era la spesa iniziale sostenuta per l’avvio di un impianto, perché non ridurre questi costi? Se ad esempio Marco, invece di pagare tutto e subito il suo impianto, avesse deciso di investirci di suo solo 1.000€ e avesse preso a prestito gli altri 19.000€ cosa sarebbe successo? I costi iniziali per l’avvio dell’impianto sarebbero rimasti tali ma  l’esposizione finanziaria del nostro amico sarebbe diminuita enormemente, direi quasi azzerata.


Tralasciando al momento i dettagli sul ritorno della vendita dell’energia (ti basti sapere al momento che le spese legate ad un finanziamento bancario possono essere tranquillamente coperte dal funzionamento del tuo impianto3), ciò che mi preme ora è farti osservare la percentuale di ritorno dei 1.000€ investiti da Marco sul fotovoltaico (vale a dire il valore del ROE). Ottenendo dall’impianto sempre 40.000€, in 20 anni il nostro amico avrebbe speso 1.000€ per poi vederne rientrare il 1.400%.
Tradotto in termini ancora più precisi ciò significa che, messi 1.000€ sul tetto questi renderanno, nel conto corrente di Marco, il 70% ogni anno.4


Per gli amanti delle formule matematiche, il perché di questi numeri è semplice.

Assunti di base con investimento proprio 5

Totale dell’investimento: 20.000€
Capitale investito: 20.000€
prestito bancario: 0,00€
oneri finanziari per mutuo: 0,00€
resa impianto in 20 anni: 40.000€
Utile netto dell’operazione: 40.000€ - 20.000€ = 20.000€


Formula ROI

               UTILE  netto                                       20.000
ROI=    -----------------------------------  x 100 = ---------------- x 100 = 100%
              totale dell’investimento                       20.000

Suddiviso per i 20 anni corrisponde a un 5% annuo composto.


Formula ROE

                 UTILE netto                          20.000
ROE = ------------------------- x 100 = ------------------ x 100 = 100%
             capitale investito                       20.000

Suddiviso per i 20 anni corrisponde sempre a un 5% annuo composto.



Assunti di base investimento attraverso leva finanziaria6

Totale dell’investimento: 20.000€
Capitale investito: 1.000€
prestito: 19.000€
oneri finanziari per mutuo: 6.000€
resa impianto in 20 anni: 40.000€
Utile netto dell’operazione: 40.000€ - 1.000€ - 19.000€ - 6.000€ = 14.000€


Formula ROI

               UTILE  netto                                       14.000
ROI=    -----------------------------------  x 100 = ---------------- x 100 = 70%
              totale dell’investimento                       20.000

Suddiviso per i 20 anni corrisponde a un 3,5% annuo composto.


Formula ROE

                 UTILE netto                          14.000
ROE = ------------------------- x 100 = ------------------ x 100 = 1.400%
             capitale investito                       1.000

Suddiviso per i 20 anni significa un 70% annuo composto!!


Ecco dunque come si crea la ricchezza. Ed ecco perché il Sole aiuta a realizzare i  tuoi sogni: perché si usa la leva finanziaria, ossia il denaro degli altri (non necessariamente quello delle banche) per moltiplicare il tuo patrimonio.
Se da un lato rimane vera l’obiezione che l’impianto è un investimento a lungo termine (la resa dei pannelli andrà prima di tutto a ripagare il finanziamento iniziale), dall’altro è pur vero che l’esposizione finanziaria di Marco è più simile al costo di uno scooter che all’investimento in una pensione. Il ritorno economico  però sarà ben altro di una gita in motorino di suo figlio! 






Valori di un investimento
di un impianto fotovoltaico
con LEVA FINANZARIA!

ROI: 3,5%
ROE: 70%


Nessun commento:

Posta un commento

Scrivi un commento...